Alimenti fermentati e KEFIR (3° parte)

 

In uno studio che utilizza i criceti siriani maschi dorati, l’assunzione di entrambi i kefir, di latte e di soia, ha ridotto i trigliceridi e il colesterolo nel sangue, migliorando ulteriormente l’indice aterogenico (cioè il rapporto tra colesterolo non HDL e colesterolo HDL).

Lactobacillus plantarum MA2 isolato dal kefir ha anche mostrato un’attività ipocolesterolemica nei ratti maschi Sprague-Dawley (SD) alimentati con una dieta ad alto contenuto colesterolo. I ratti supportati con una dieta integrata con quest’organismo avevano un significativo abbassamento del colesterolo totale del siero, del colesterolo LDL, del colesterolo epatico e dei trigliceridi in combinazione con una maggiore secrezione di colesterolo fecale (34).

Oltre ai singoli microrganismi del kefir aventi una capacità di ridurre il colesterolo, anche il kefiran ha dimostrato di migliorare i livelli di colesterolo e di pressione sanguigna. Sono stati osservati anche diminuzioni della pressione sanguigna e dell’attività di conversione dell’angiotensina (ACE), con la modalità di azione attribuita a due piccoli peptidi liberati dalla caseina durante il processo di fermentazione (35).

Kefir, e ceppi associati al kefir, hanno mostrato una moltitudine di attività antibatteriche e antimicotiche (36), alcune pari alla ampicillina, azitromicina, ceftriaxone, amoxicillina e ketoconazolo contro molte specie patogene.

Tali effetti antimicrobici sembrerebbero mediati da prodotti microbici specifici come la Batteriossina ST8KF, la Latticina 3147, e l’F1.

Il Kefir ha anche un’attività antitumorale significativa contro diversi tipi di cellule tumorali: è stato dimostrato che aumenta l’apoptosi di cellule di leucemia mieloide umane resistenti a farmaci multipli, in vitro attraverso l’attivazione della caspasi 3 (enzima attivatore dell’apoptosi) in maniera dose dipendente (37). Oltre alla promozione della morte cellulare nelle cellule cancerose, effetti antimutageni sono stati dimostrati in studi con carcinogeni noti quali metilmetanosolfato, metiossazimetossano, sodio azide, aflatossina B1 e 2-aminoantracene, come indicato dal test Ames (38).

Nei modelli di topo con sarcomi a cellule fusiformi, i topi riceventi il kefir intraperitoneale hanno ridotto la dimensione del tumore, e alcuni tumori sono completamente scomparsi durante un periodo di trattamento di 20 giorni (39). Anche se questo è impressionante, è ancora da determinare se questi risultati possono essere replicati in caso di consumo orale. I topi con tumori al seno, alimentati con kefir, hanno inoltre mostrato un aumento dei livelli sierici di Il-10 e IL-4 (40).

Questi risultati sono coerenti con altri studi che hanno dimostrato che kefir è in grado di modulare il sistema immunitario nell’intestino e mostrano che le capacità immunomodulatorie del kefir non possono essere limitate al tratto gastrointestinale (41-43).

Le proprietà antimicrobiche del kefir possono portare al suo utilizzo anche per applicazioni non tradizionali. Infatti, quando i ratti che avevano ferite aperte inoculate con Staphilococcus aureus sono stati trattati con un gel ottenuto da chicchi di kefir, si è scoperto che le ferite sono guarite molto più velocemente di quanto osservato nei ratti di controllo, che non avevano ricevuto alcun trattamento o ratti che avevano ricevuto un trattamento tradizionale di 5 mg/kg neomicina-clostebol emulsione (44). I gel ottenuti da chicchi di kefiran e kefir si sono rivelati più efficaci a ridurre le dimensioni della ferita in ustioni di terzo grado contaminate da Pseudomonas aeruginosa rispetto a un trattamento tradizionale di sulfadiazina d’argento in un modello di ratto (45, 46).

Questi tempi di guarigione ridotti sono probabilmente dovuti a più fattori. Uno di questi fattori è la capacità del kefir di inibire la crescita delle cellule batteriche e fungine, portando così ad una ferita più “pulita”, come dimostrato in alcuni studi (45, 47). Un altro fattore possibile è la capacità di modulare il sistema immunitario e di reclutare cellule immunitarie per aiutare il processo di guarigione.

I risultati di recenti studi (48) hanno scoperto che l’uso di kefir sia testato in vitro o in vivo, porta a un passaggio da una risposta immunitaria Th1 a una risposta Th2 così come aumenta i livelli di IgA presenti (41, 42, 49, 50).

Livelli più alti di Bifidobacterium e Lactobacilli del gruppo 1 (Lactobacilli fermentativi obbligati come L. acidophilus, L. delbrueckii e L. helveticus) nell’intestino dei neonati sono stati associati a una minore incidenza di malattie allergiche più tardi nella vita (51).

Gli studi che hanno esaminato l’effetto in vitro di lattobacilli caldi, isolati da kefir sui macrofagi peritoneali del topo, hanno mostrato che anche dopo inattivazione del calore, i lattobacilli sono stati in grado di indurre l’espressione di citochine Th1 come IFN-γ, TNF-α, IL- 12 e IL- 1β (52).

Oltre alle popolazioni microbiche presenti in kefir e in altri probiotici fermentati, esistono anche prodotti di fermentazione e altri sottoprodotti del metabolismo di questi microorganismi che possiedono bioattività. Un tale sottoprodotto è il kefiran, l’esopolisaccharide prodotto da L. kefiranofaciens durante la fermentazione (53). È stato dimostrato che un polisaccaride solubile in acqua isolato dal chicco di kefir (KGF-C) ha migliorato la risposta immunitaria umorale nei topi contro le cellule sanguigne di pecora (SRBC).

In conclusione, per sfruttare appieno le caratteristiche benefiche del kefir, è fondamentale una comprensione più approfondita della composizione del kefir. Con i progressi nell’analisi metagenomica attraverso lo sviluppo della tecnologia di sequenziamento ad alto rendimento, questa prospettiva è molto realistica. Le ulteriori conoscenze acquisite possono anche fornire informazioni cruciali riguardanti i meccanismi e gli agenti responsabili degli effetti benefici che sono stati attribuiti a kefir (44-47).

Si crea così la possibilità di una produzione commerciale di kefir specificamente progettata per creare l’effetto benefico in coloro che lo consumano. Attualmente, la natura altamente variabile degli organismi e dei metaboliti presenti nel kefir tradizionale richiede che le indicazioni sulla salute siano verificate individualmente in ciascuna bevanda di kefir. La capacità di combinare i migliori ceppi possibili dei migliori organismi provenienti da più fonti di kefir rappresenta un enorme potenziale di maggiori benefici per la salute di tutti.

 

Bibliografia

34. Wang Y, Xu N, Xi A, Ahmed Z, Zhang B, Bai X. Effects of Lactobacillus plantarum MA2 isolated from Tibet kefir on lipid metabolism and intestinal microflora of rats fed on highcholesterol diet. Appl. Microbiol. Biotechnol. (2009). 84 341–347.

35. Quiros A, Hernandez-Ledesma B, Ramos M, Amigo L, Recio I. Angiotensin-converting enzyme inhibitory activity of peptides derived from caprine kefir. J. Dairy Sci (2005). 88 3480–3487.

36. Bourrie BC, Willing BP, Cotter PD. The Microbiota and Health Promoting Characteristics of the Fermented Beverage Kefir. Front. Microbiol. 2016 7: 647.

37. Ghoneum M, Gimzewski J. Apoptotic effect of a novel kefir product, PFT, on multidrug-resistant myeloid leukemia cells via a hole-piercing mechanism. Int. J. Oncol. (2014). 44 830–837.

38. Güzel-Seydim Z, Seydim A, Greene A, Bodine A. Determination of organic acids and volatile flavor substances in kefir during fermentation. J. Food Composit. Anal. (2000). 13 35–43.

39. Cevikbas A, Yemni E, Ezzedenn FW, Yardimici T, Cevikbas U, Stohs S. Antitumoural antibacterial and antifungal activities of kefir and kefir grain. Phytother. Res. (1994). 8 78–82.

40. De Moreno de LeBlanc A, Matar C, Farnworth E, Perdigon G. Study of immune cells involved in the antitumor effect of kefir in a murine breast cancer model. J. Dairy Sci. (2007). 90 1920–1928.

41. Thoreux K, Schmucker DL. Kefir milk enhances intestinal immunity in young but not old rats. J. Nutr. (2001). 131 807–812.

42. Vinderola G, Perdigon G, Duarte J, Thangavel D, Farnworth E, Matar C. Effects of kefir fractions on innate immunity. Immunobiology (2006). 211 149–156.

43. Correa Franco M, Golowczyc MA, De Antoni GL, Pérez PF, Humen M, de los Angeles Serradell M. Administration of kefirfermented milk protects mice against Giardia intestinalis infection. J. Med. Microbiol (2013). 62 1815–1822.

44. Rodrigues KL, Caputo LR, Carvalho JC, Evangelista J, Schneedorf JM. Antimicrobial and healing activity of kefir and kefiran extract. Int. J. Antimicrob. Agents (2005).25 404–408.

45. Huseini HF, Rahimzadeh G, Fazeli MR, Mehrazma M, Salehi M. Evaluation of wound healing activities of kefir products. Burns (2012). 38 719–723.

46. Rahimzadeh G, Seyedi Dolatabad S, Fallah Rostami F. Comparison of two types of gels in improving burn wound. Crescent J. Med. Biol. Sci. (2014). 1 28–32.

47. Atalan G, Demirkan I, Yaman H, Cina M. Effect of topical kefir application on open wound healing on in vivo study. Kafkas Univ. Vet. Fak. Dderg. (2003). 9 43–47.

48. Iraporda C, Romanin DE, Rumbo M, Garrote GL, Abraham AG. The role of lactate on the immunomodulatory properties of the nonbacterial fraction of kefir. Food Res. Int. (2014). 62 247–253.

49. Hong W-S, Chen H-C, Chen Y-P, Chen M-J. Effects of kefir supernatant and lactic acid bacteria isolated from kefir grain on cytokine production by macrophage. Int. Dairy J. (2009). 19 244–251.

50. Carasi P, Racedo S, Jacquot C, Romanin D, Serradell M, Urdaci M. Impact of Kefir Derived Lactobacillus kefiri on the mucosal immune response and gut microbiota. J. Immunol. Res. (2015).361604

51. Sjogren YM, Jenmalm MC, Bottcher MF, Bjorksten B, Sverremark-Ekstrom E. Altered early infant gut microbiota in children developing allergy up to 5 years of age. Clin. Exp. Allergy (2009). 39 518–526.

52. Hong W-S, Chen Y-P, Chen M-J. The antiallergic effect of kefir Lactobacilli. J. Food Sci. (2010). 75 H244–H253.

53. Maeda H, Zhu X, Suzuki S, Suzuki K, Kitamura S. Structural characterization and biological activities of an exopolysaccharide kefiran produced by Lactobacillus kefiranofaciens WT-2BT. J. Agric. Food Chem. (2004).52 5533–5538.

Print Friendly, PDF & Email
condividi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *