Autismo, denti da latte e metalli pesanti

Uno studio del NHI (National Institutes of Health) sui denti da latte, suggerisce un collegamento fra metalli pesanti e autismo.

I denti da latte dei bambini con autismo contengono più piombo tossico e meno nutrienti essenziali come zinco e manganese, rispetto ai denti dei bambini senza autismo, secondo uno studio innovativo finanziato dall’Istituto nazionale di scienze della salute ambientale (NIEHS), parte del NHI. I ricercatori hanno studiato i gemelli per controllare le influenze genetiche e concentrarsi su possibili fattori ambientali che contribuiscono alla malattia. I risultati, pubblicati il 1 ° giugno sulla rivista Nature Communications, suggeriscono che le differenze nell’esposizione ai metalli nei primi periodi di vita o, ancora più importante, il modo in cui l’organismo di un bambino li elabora, possono influenzare il rischio di autismo.

Le differenze nell’assorbimento di metalli tra bambini con e senza autismo erano particolarmente marcate durante i mesi appena prima e dopo la nascita dei bambini. Gli scienziati hanno determinato questo utilizzando il laser per mappare gli anelli di crescita dei denti da latte generati durante diversi periodi di sviluppo.

I ricercatori hanno osservato livelli più elevati di piombo nei bambini con autismo durante lo sviluppo, con la maggiore disparità osservata nel periodo successivo alla nascita. Hanno anche osservato una minore assunzione di manganese nei bambini con autismo, sia prima che dopo la nascita. Il modello era più complesso per lo zinco. I bambini con autismo avevano livelli di zinco più bassi prima nel grembo materno, ma questi livelli sono poi aumentati dopo la nascita, rispetto ai bambini senza autismo.

I ricercatori osservano che è necessaria la replicazione in studi più ampi per confermare la connessione tra l’assorbimento del metallo e l’autismo.

Pensiamo che l’autismo inizi molto presto, molto probabilmente nel grembo materno, e la ricerca suggerisce che il nostro ambiente può aumentare il rischio di un bambino. Ma quando i bambini vengono diagnosticati all’età di 3 o 4 anni, è difficile tornare indietro e sapere a cosa sono state esposte le mamme “, ha detto Cindy Lawler, Ph.D., responsabile del ramo NIEHS Genes, Environment and Health. “Con i denti da latte, possiamo davvero farlo.

I modelli di assorbimento del metallo sono stati confrontati utilizzando i denti di 32 coppie di gemelli e 12 singoli gemelli. I ricercatori hanno confrontato modelli in gemelli in cui solo uno aveva autismo, così come in gemelli in cui entrambi o nessuno dei due aveva autismo. Piccole differenze nei modelli di assorbimento del metallo si sono verificati quando entrambi i gemelli hanno avuto autismo. Differenze maggiori si sono verificate nei gemelli in cui solo un fratello aveva l’autismo.

I risultati si basano su ricerche precedenti che dimostrano che l’esposizione a metalli tossici, come il piombo, e le carenze di sostanze nutritive essenziali, come il manganese, possono danneggiare lo sviluppo del cervello durante lo sviluppo nell’utero o durante la prima infanzia. Sebbene il manganese sia un nutriente essenziale, può anche essere tossico a dosi elevate. L’esposizione a piombo ed alti livelli di manganese è stata associata a tratti autistici e gravità.

Lo studio è stato condotto da Manish Arora, Ph.D., scienziato ambientale e dentista presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai a New York. Con il supporto di NIEHS, Arora e colleghi avevano precedentemente sviluppato un metodo che utilizzava i denti da latte naturali per misurare l’esposizione dei bambini al piombo e ad altri metalli mentre si trovavano nell’utero e durante la prima infanzia. I ricercatori usano i laser per estrarre strati precisi di dentina, la sostanza dura sotto lo smalto dei denti, per l’analisi dei metalli. Il team ha precedentemente dimostrato che la quantità di piombo in diversi strati di dentina corrisponde all’esposizione al piombo durante periodi di sviluppo diversi.

Arora ha detto che l’autismo è una condizione in cui i geni e l’ambiente giocano entrambi un ruolo, ma capire quali esposizioni ambientali possono aumentare il rischio è stato difficile.

Ciò di cui c’è bisogno è una finestra sulla nostra vita fetale”, ha detto. “A differenza dei geni, il nostro ambiente è in continua evoluzione e la risposta del nostro organismo agli stress ambientali non dipende solo da quanto siamo stati esposti, ma dall’età in cui abbiamo vissuto quell’esposizione”.

Studi precedenti relativi ai metalli tossici e ai nutrienti essenziali per l’autismo hanno affrontato limitazioni chiave, come la stima dell’esposizione basata sui livelli ematici dopo la diagnosi di autismo piuttosto che prima, o non essere in grado di controllare le differenze che potrebbero essere dovute a fattori genetici.

Molti studi hanno confrontato gli attuali livelli di piombo nei bambini che sono già stati diagnosticati”, ha detto Lawler. “Essere in grado di misurare qualcosa a cui i bambini sono stati esposti molto prima della diagnosi è un grande vantaggio.

Il metodo di utilizzare i denti da latte per misurare l’esposizione passata ai metalli è promettente anche per altri disturbi, come il disturbo da deficit di attenzione e iperattività. “C’è una crescente eccitazione riguardo al potenziale dei denti da latte come una ricca registrazione dell’esposizione alla vita precoce di un bambino a fattori sia utili che dannosi nell’ambiente”, ha detto David Balshaw, Ph.D., responsabile del NIEHS.

https://www.nih.gov/news-events/news-releases/baby-teeth-link-autism-heavy-metals-nih-study-suggests?utm_sq=fh43tv0mjf&utm_source=Facebook&utm_medium=social&utm_campaign=The+Curious+Coconut&utm_content=News%2FScience+articles

Print Friendly, PDF & Email
condividi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *