Covid-19, quando il titolo disinforma

Mutate 8 sequenze del genoma: coronavirus dieci volte più contagioso

Questo è il titolo di un articolo pubblicato giorno 01 settembre 2020 sul sitoilgiornale.it” al link https://www.ilgiornale.it/news/mondo/coronavirus-nuova-mutazione-indonesia-dieci-volte-pi-1886877.html

All’interno dell’articolo l’autore scrive:È pur vero che questa conclusione si riferisce, per il momento, alle cellule in colture di laboratorio.

Sul “The Jakart Post” che ha riportato la notizia della mutazione D614G riscontrata nella popolazione indonesiana, al link

https://www.thejakartapost.com/life/2020/08/29/more-contagious-coronavirus-mutation-detected-in-indonesia.html si legge l’affermazione del presidente dell’Istituto Eijkman Amin Soebandrio:

Sono necessari ulteriori studi per sapere se questo si verifica anche negli esseri umani“.

Dunque, classico esempio di titolo sensazionalistico (un copia-incolla dal giornale di Jakarta) che contribuisce a creare confusione e disinformazione, infatti come riportato nell’articolo Il ceppo D614G è stato rilevato per la prima volta in Germania alla fine di gennaio e si trova comunemente negli Stati Uniti e in Europa.

Sarebbe stato molto più rispettoso, nei confronti del lettore, che il titolo stesso contenesse il riferimento a “prove di laboratorio”. Insomma la notizia, in questo caso specifico, se non è il nulla, c’è molto vicina.

Print Friendly, PDF & Email
condividi

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *